Calamitosus est animus futuri anxius
(Seneca)

lunedì 11 giugno 2012

Non ti accorgi di ciò che hai...♥

Ciao ragazze e ragazzi!!!!
Solo oggi mi son accorta di come davvero non ci si renda conto dell'immenso valore di ciò che possediamo. Pensavo fosse vero fino a stamattina, ma per quanto mi sforzassi questa frase non la sentivo mia. Cosa è successo? Una persona a me cara, malata, è sparita. Ho passato una mezz'ora traumatizzante. Immaginate che un malfamato buco nero vi attragga irrimediabilmente a sè, immaginate di trovarvi impotenti contro la sua volontà, immaginate di essere al suo interno, avvolti da un'oscurità infernale: non sarebbe nulla al confronto con il terrore che mi ha invaso, attanagliato le viscere, togliendomi il respiro. Fortunatamente la dea bendata, alle volte, nella sua volubilità, ha un po' di riguardo anche per te: tutto ha avuto fine, per il verso migliore. Vi auguro di non provare mai un'esperienza simile.
_Martina

14 commenti:

  1. Gabriel Marcel ha detto che ciò che conta non è la mia morte, ma la morte di coloro che noi amiamo, perché nella persona amata la morte colpisce me stesso...
    Buona Vita, Martina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle belle parole!
      Comunque mio nonno (il soggetto del post) fortunatamente non è morto...(leggi la risposta al commento sotto)

      Elimina
    2. Non esiste solo la morte fisica. La paura di perdere qualcuno, ovvero la paura che quel qualcuno possa più non essere come prima per me, è come perderlo, perchè vuoi o non vuoi qualsiasi cosa, un oggetto, un sentimento, una persona, sono impregnati (spesso inconsciamente) di qualcosa di nostro, della nostra personalità, della nostra persona (anche impersonale - scusa i giochi di parole)... :D grazie a te!

      Elimina
  2. Alessia (vampirotta)11 giugno 2012 17:05

    Amore! ma cosa è successo :(
    cmq è completamente vero! ti accorgi di qll che hai solo quando lo hai perso. ti capisco benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tesoroooo! Nonno è malato di Alzheimer e non ha il senso dell'orientamento. Ieri è uscito di casa, ma sì è perso. Abitando in campagna sarebbe potuto inciampare, rompersi qualcosa, finire in un burrone, o anche cadere e sbattere la testa...insomma ho avuto tantissima paura di non vederlo più!

      Elimina
    2. oh no! mi dispiace tantissimo! spero che nn peggiori. dai cerca di farti forza e stagli vicina :)
      cmq finalmente sono riuscita a diventare tua reader! hai visto?! xk prima nn mi faceva registrare

      Elimina
    3. Grazie tesoroooo! Lo farò.
      Comunque sì, ho visto....che bello!!!! XD
      ti voglio bene!!!

      Elimina
  3. Ciao Martina io sono Gaia...
    vorrei farti i complimenti per la tua maturità che esprimi attraverso i tuoi post!
    Adesso vado di fretta ma tornerò con calma nei prossimi giorni a leggermi tutti i tuoi post!
    e intanto colgo l'occasione per invitarti a fare un salto sul mio blog :)
    ciao, Gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 Gaia...sono felice che apprezzi i miei post!
      Naturalmente passo a dara un'occhiata nel tuo blog...sono curiosa!!!! <3
      Martina

      Elimina
  4. poverina... mi dispiace solo di non poterti mandare altro che i miei auguri perchè tu non viva più esperienze simili e un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 del sostegnho! sono davvero felice di vedere che continui a commentare i miei post!
      Hai già iniziato gli esami??? Io domani purtroppo!!!!!!!
      Un bacio, Martina

      Elimina

Saper di esser letta è per me fonte di gioia!